lunedì 20 ottobre 2008

VOICE DIALOGUE parte 3


Ciao, sono tornato con il mio vecchio pc come nuovo :-)
Hai ascoltato l'intervista che mi hanno fatto..? Piaciuta..?
Spero di si.

Ben, facciamo una breve riepilogo di quello che ti ho spiegato del Voice Dialogue finora: 1) Noi siamo composti da tanti aspetti interiori (Sé Interiori- voci interiori- subpersonalità..) che non trovano un equilibrio dentro di noi perché siamo vittima di condizionamenti di ogni sorta, e perché nessuno ce lo insegna...

2) Se siamo identificati con i nostri aspetti primari ( Interiori), rinneghiamo e tratteniamo dentro di noi gli aspetti opposti, che la vita ci rimanda sotto forma di una persona che è l'opposto di noi.

3) I Sé Interiori sono aspetti psicoenergetici di noi quindi abitano in relazione ad un Chakra, un organo e una funzione percettiva e comunicativa di noi.
Non possono "andarsene" ma devono cambiare per aiutarci nella nostra crescita.

4) E' come avere un'orchestra con tanti strumenti e non avere il direttore che ordina, gestisce e armonizza.

Nella terminologia del Voice Dialogue questa importante funzione è svolta da quello che chiamiamo Ego Consapevole ( il direttore d'orchestra).
L'E.C non è un Sé Interiore ma uno stato di consapevolezza neutrale che può abbracciare tutte le energie ed aiutarci a compiere scelte più libere e non reattive o automatiche.
E' il "centro psichico" di una persona dove tornare dopo ogni emersione ed identificazione di una particolare voce interiore.

E' difficile spiegare cosa sia l'Eco Consapevole, perché rimane un'esperienza interiore e soggettiva.
E' più facile spiegarlo per quello che non è, e posso dirvi che non è un Sé Interiori, anche se molti Primari pensano di essere il centro.

E' un'esperienza fondamentale del processo di cura/crescita/rinascita/evoluzione di una persona, aiutata dal suo Facilitatore (nome tecnico di chi insegna il voice dialogue).
Avviene in diverse fasi e con diversi metodi di cui parlerò nel prossimo post.

Non corrisponde a quello, che in molte tradizioni spirituali, chiamiamo Sé Spirituale.
E' una differenza fondamentale tra il V.D e le altre "scuole di crescita interiore".
Questa nuova visione è importante perché così si mantiene sull'individuo, una visione ed una percezione più olistica e armonizzante (taoista).
Il processo di aiuto risulta così, più veloce e profondo ma al tempo stesso più rispettoso di ogni aspetto della persona.

Per oggi è tutto, la prossima volta provo a spiegarvi (perché è difficile) come funziona la tecnica praticamente...
Ciao, un abbraccio dal cuore Simone :-)

P.S= anche se in un altra veste, ho scritto un lungo post su RicchezzaVera.com che ti consiglio di leggere.

P.P.S: prima di leggere il prossimo post, cliccando qui, lascia pure un tuo commento grazie :-)

25 commenti:

  1. ...Visito per la prima volta il tuo blog, e mi piace tantissimo. Mi rende assai ricettiva il nome che hai scelto, "i segreti delle donne". D'altronde, il mistero è femmina! Mi colpisce, in particolare, il concetto di ego comsapevole, quale direttore d'orchestra, rimandando all'idea che le nostre voci interiori sono molteplici e difficili da armonizzare. Credo che la parola chiave sia proprio armonia, che è - correggimi se sbaglio - il raggiungimento del nostro centro psichico, del nostro stato di benessere. Credo che, nel caso delle donne, la faccenda sia più complessa: la ricetta starebbe nel porsi in una condizione, o meglio, posizione concava, giammai subalterna, di ricettività e disponibilità, con la pretesa ragionevole di chiedere e ricevere. Scelgo, dunque, un approccio alla vita che ho cristallizzato nell'espressione "pensiero concavo". Ancora complimenti!
    un saluto dall'ombelico del sogno
    la pizia www.pensieroconcavo.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Ciao la pizia (ma quale sarà il tuo vero nome e aspetto..??):-)
    Non necessariamente l'ego consapevole porta un armonia intesa come benessere, ma più uno stato di organizzazione e gestione armoniosa di tutti i vari Sé Interiori, compresi quelli che producono le famose onde emotive di voi donne.
    Comunque si fà fatica a spiegarlo con parole perchè è necessariamente un'esperienza diretta... Sicuramente la donne sono più complesse e incasinate, perchè hanno accesso a più Sé Iteriori degli uomini... ma che meraviglioso casino che siete :-)
    Hai visto il video nel mio primo post, racchiude tutto il mio amore per le donne.
    Ciao un abbraccio dal Cuore, Simone :-)

    RispondiElimina
  3. Ancora sulla consapevolezza, parola sublime di cui parlate e per me chiave di tutto.
    ;-)
    Nel blog ho scritto che il vero e unico peccato è negarsi la gioia. In realtà, se devo dirla tutta, l'unico è peccato è la non consapevolezza. Va da sè ovviamente che essere consapevoli significa non potersi negare la gioia. Ergo: consapevolezza uguale benessere.
    Da quando sto lavorando su questi concetti sono molto meglio organizzata.
    E' fantastico, perchè collabora anche la parte razionale all'organizzazione della mia giornata. Emisfero dx e sx collaborano insieme e mi aiutano.
    Un bacio ad entrambi.

    RispondiElimina
  4. Grazie vitale del tuo bel commento :-)Il famoso Matrimonio Alchemico degli alchimisti, è proprio questo: l'unione tra il nostro maschile e femminile interiore!! E' la cosa incredibile è che si può fare :-)e porta anche un miglioramento nella vita quotidiana. Si tratta di ri-organizzarsi e di fare pratica... nei termici del Voice Dialogue si trasforma nell'usare il Sé Interiore giusto nel momento giusto!! 1)esempio: vai in banca, attiva il tuo "commercialista" interiore, ovvero la parte razionale e sx del tuo cervello, e non la tua bambina interiore...altrimenti ti fregano di sicuro!! 2)esempio: se sei in intimità con il tuo partner, usare la tua mente razionale sarebbe delederio...meglio usare i Sé che ti aiutano a vivere le emozioni e il piacere!!
    Non sono sicuro che la consapevolezza porti necessariamente benessere..??!!
    Adesso ci rifletto e poi ci aggiorniamo :-)
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  5. ah ecco...quindi è normale che io sofra di personalità multiple! scherzi a parte, gran parte di quello che hai detto non mi giunge nuovo...me ne rendo conto ogni giorno...e sono curiosa di saperne di più, quindi attendo il tuo prossimo post! buon lavoro!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Daniela e benvenuta nel blog :-)
    Secondo il Voice Dialogue, siamo tutti schizzofrenici in potenziale...
    diventa una situazione patologica quando nella persona non vi è un "centro" a cui tornare e l'individuo rimbalza in maniera incontrollata tra un Sé Interiore ed un altro.
    Quindi la malattia si definisce per la mancanza di un Ego Consapevole e non perchè la persona riesce a sentire le sue voci interiori...
    Ciao un abbraccio dal cuore, Simone :-)

    RispondiElimina
  7. Conosco molto bene il Dialogo delle voci e posso testimoniare quanto sia un approccio davvero completo e illuminante per crescere, conoscersi meglio e trovare un maggiore equilibrio interiore. Ho lavorato con diverse tecniche per vari anni ma solo il Dialogo delle voci mi ha dato una visione COMPLESSIVA di me stessa e aiutata a dare ascolto a TUTTE le mie parti. L'operazione più faticosa (ma anche divertente!) è quella di potenziare il "Direttore d'orchestra" perchè a volta può essere un vero "casino" dentro di noi! Il Dialogo ci spinge a metterci in gioco nella vita di tutti i giorni e è un alleato fantastico per imparare a gestire le situazioni più difficili che incontriamo nei nostri rapporti con gli altri.
    Simone è uno dei facilitatori di Dialogo delle voci più competenti in Italia, che ha inoltre il merito di far evolvere e arricchire questa tecnica grazie alla propria personalità ed esperienza: nelle sue mani diventa davvero uno strumento molto potente, in costante evoluzione, vivo come l’Essere umano stesso.
    Lo consiglio a tutti!

    RispondiElimina
  8. Grazie Isabelle per il bellissimo commento che condivido al 1000 x 1000 :-) forse dovrei assumerti per farmi le pubbliche realzioni..!!
    Ne approfitto per "sgridare" pubblicamente le mie allieve... ma dove siete finite..?
    Possibile che nessuna metta un commento sul V.D che vi aiutato così tanto..!? Avete tutte il pc rotto ;-)
    Ciao un abbraccio dal cuore, Simone

    RispondiElimina
  9. caro simone, cari amici, mi colpisce l'idea che in potenza siamo tutti schizofrenici. Dal greco schizein è "tagliare", dunque lo schizofrenico taglia la sua personalità in due o più. E, come dici tu simone, nn vi è centro. Mi chiedo se si possa avere un ego consapevole senza un centro...ah, simo, il mio vero nome è angela! ti aspetto su www.pensieroconcavo.blogspot.com vi invito al viaggio

    RispondiElimina
  10. Ciao Angela :-)ma con questo bel nome perchè ti nascondevi..??!! Adesso aspettiamo che anche Vitale lascia andare la sua "maschera" E ci dica come si chiama... anche se io lo so in anteprima ;-)... proprio stanotte, guarda caso, ho pensato ai prossimi post, e appena finisco di spiegare il V.D ne faccio uno sulle "maschere" che le donne si mettono e sull'importanza di chiamarsi con il proprio nome...
    Tornando al Voice Dialogue, il centro è l'Ego Consapevole!! Non è uno stato fisso e statico, ma un direttore di orchestra che non perde mai di vista la sinfonia generale e quindi può anche far suonare i singoli strumenti (Sé Interiori) in un momentaneo assolo...
    Mi scuso se non riesco a seguire con continutà il tuo blog, ma tra scrivere il libro, i clienti, la gestione del blog, la vita familiare... il mio tempo è davvero limitatissimo.
    Ciao un abbraccio dal cuore, Simone
    :-)

    RispondiElimina
  11. Simone, mio ononimo al maschile, come ci ricordi te, dobbiamo puntare all'unità, all'uno, tutto ciò che ci separa (dentro e fuori) e ci divide, opera una cesura tra noi ed il mondo.
    Del resto ne parlavano già Democrito e Giordano Bruno (come sappiamo, arso vivo perchè considerato eretico)
    Un augurio di una felcie giornata.
    Buona unione a tutti!
    Simona Vitale

    RispondiElimina
  12. Ciao SIMONA :-)
    Il bello che nella visone del Voice dialogue, il centro(l'ego consapevole)tiene unito tutti gli aspetti della personalità dell'individuo, in un grande ma armonioso caos... quindi non ci annoia mai :-)
    Ciao un abbraccio dal cuore, Simone

    RispondiElimina
  13. Ciao Simone!

    È la prima volta che lascio un mio commento, perciò ho scelto di farlo al post che è stato più illuminante per me : il terzo, sul quale posso soltanto lasciare quello che ne penso.
    Sul quarto post , ci arriverò, perché su cosa è l'Amore, ci sarebbe tanto da dire.. e sul quinto la stessa cosa:)

    Come sai non avevo mai sentito parlare della terapia (se la si può chiamare così) del Voice Dialogue. Quando me lo hai spiegato ho capito che era un contributo molto importante per me, per capire come siamo fatti, e portare un po' di luce alla comprensione delle nostre azione. Come sai, il mio soggiorno in Italia è stato una opportunità per conoscermi, e proprio questa domanda mi stavo facendo in quei giorni: (sarà l' eterna domanda...:)) "Veramente, chi/come sono io?"
    Ho pensato a questo rispetto alle cose che mi picevano fare, e a che cose mi facevano sentire bene. E ho scoperto che c'era tanto da me che io proprio non conoscevo. Soltanto quando "mi sono invitata" a vivere delle esperienze nuove ho scoperto che avevo tante caratteristiche diverse... proprio come spiega il Voice Dialogue. Capire l'esistenza dei Sè Interiori e impare a riconoscerli è veramente un modo per essere più tranquilla rispetto alle mie contraddizioni. Però non posso concludere senza una domanda: L'Ego Consapevole, come centro psicoenergetico, non ha nessuna delle carateristiche dei Sè Interiori, nemmeno è quello Sè che comanda, quindi... cosa è? Come si fa a scoprirlo, a metterlo in comando?
    Abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ciao Susana :-) che bello trovarti nel blog!!
    Dovete sapere che Susana, è una cara amica portoghese che vive a Lisbona.
    Così ho un blog internazionale ;-)

    Tornando al lavoro...
    Prova a "vederti" come la famosa oschestra, un singolo strumentista ascolta anche con "contraddizione" gli altri strumenti, esempio un tamburo opposto ad un violino...
    Solo il direttore ascolta tutta la sinfonia, gestisce e guida tutti gli strumenti!!
    Il direttore d'oschestra, come l'Ego Consapevole è un Non-Sé, un Non-strumentista
    che comunque fa parte dell'oschestra e addirittura la dirige... è un concetto che però si spiega meglio per quello che non è, più che per quello che è... perchè è uno stato di Consapevolezza che si può solo vivere e riconoscere, con il tempo e l'esperienza.

    Per il momento ti consiglio di lavorare sul toglierti ciò che "gli impedisce di lavorare"...
    Infatti, tutti i condizionamenti sociali, familiari, religiosi ed occulti della nostra vita, e che abbiamo necessariamente eredidato,ci hanno convinto di avere degli aspetti giusti in noi che dovevano rinnegare altri aspetti sbagliati.

    Questo vecchio modo di pensare è quello che ci sentire confusi, agitati, schizzofrenici e non in armonia.
    Ma questa non è la nostra vera natura!!!
    La nostra vera natura è quella di essere un oschestra con musicisti bravi e meno barvi, che si sforzano di suonare la migliore sinfonia possibile per la nostra vita..!!

    Ciao cara TVB :-)
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  15. Ciao. I tuoi articoli sono interessanti ma vorrei farti notare un particolare, che potrebbe sembrare solo una finezza ma non lo è. Tu dici che noi siamo composti da tanti sé interiori e non siamo un monolite. Vorrei farti notare che noi siamo la somma di tutte le nostre cellule, organi sistemi e quant'altro, ma siamo anche un'UNITA'. Proprio come l'orchestra è la somma dei suoi componenti ma è anche un'ORCHESTRA, un'unità che rende l'effetto di essere un unico strumento nelle mani del suo direttore. In effetti i direttori d'orchestra parlano proprio in questo modo: l'orchestra è il mio strumento. Il concetto di UNITA' è molto importante. I maestri spirituali di tutti i tempi hanno continuamente battuto su questo tasto. Tutti i nostri problemi sono derivati dal fatto che ci sentiamo separati, dentro e fuori di noi, che ci sentiamo divisi e non ci consideriamo un tutto ed una parte di un TUTTO strettamente connessa con tutto il resto e da qui ne conseguono tutta una serie di problemi, di cui è pieno il nostro periodo storico.
    Come lettore, ho sentito che le tue frasi
    inoculano un concetto di separazione, anche se leggendo i tuoi altri articoli non mi sembra che tu vada in questa direzione. Poi mi sta bene il lavoro sulle parti, ma, secondo me, dovrebbe essere ribadito molto meglio il concetto di UNITA'. D'altro canto, un direttore d'orchestra può far diventare un brano musicale un capolavoro anche se non ha tutti, tutti, tutti i musicisti di altissimo livello. Ciò da il senso di come l'UNITA' è molto più della somma delle sue parti.
    Questa precisazione non vuole essere un rimprovero, ma mi sembrava giusto specificarlo,
    anche perchè i tuoi scritti vengono letti da molte persone e se si da un buon messaggio si semina maggiore beneficio.
    Un abbraccio.
    Andrea

    RispondiElimina
  16. Ciao Andrea :-)

    Di sicuro quello che hai detto è quello che volevo dire anche io!
    Se non è passato abbastanza bene questo concetto/verità, starò più attento in futuro nello scriverlo..!
    Chi mi conosce, sa bene che insegno proprio l'Unità nel rispetto delle differenze... come è nel principio del Voice Dialogue.

    Grazie del suggerimento, un abbraccio dal cuore
    Simone :-)

    RispondiElimina
  17. Ciao Simone.. ti ho conosciuto tramite Jose'( tramite il sito Ricchezza Vera !!!!)e non riesco ancora a credere che ho trovato finalmente tante risposte alle mille domande che mi ponevo fin da piccola..a casa mi hanno sempre detto che ero strana..facevo mille domande ma nessuno riusciva realmente a rispondere in maniera soddisfacente..Vedevo oltre rispetto alla mia famiglia e ai miei amici..ma ridevano e dicevano che avevo molta fanatasia..Posso solo dirti che per ora quasi trattengo il fiato per paura che anche tu possa essere un sogno..e' come se finalmente io fossi arrivata a casa..sono serena..al sicuro..Non vorrei sembrare un po' strana pure a te ma sappi che ho il cuore che mi scoppia di gioia..non so perche'ma questa e' una domanda che non mi pongo..grazie grazie grazie..voglio bene a tutti !!! Patrizia.Ps forse non sono riscita a spiegare bene cosa mi succede ma e' solo perche non lo so ancora...

    RispondiElimina
  18. Ciao Patrizia :-)

    In effetti non è che abbia capito tanto che cosa volevi dire... ma va bene lo stesso perchè il tuo commento emana un tale bella energia di risveglio e gioia che basta così! ;-)

    La buona notizia è che sono reale, 80 kg di pura Saggezza e Amore..! Magari sono un sogno di Dio, ma parecchio concreto :-0

    Ciao un abbraccio dal cuore, Simone.

    RispondiElimina
  19. Ringrazio per gli insegnamenti, che svelano poco alla volta la nostra conoscenza, devo dire che la voce dei miei Sè rinnegati, si è fatta sentire molte volte, ed è terribile essere consapevoli di non ascoltare la voce giusta per motivi di disagio e caos di identificazioni.
    Avrei bisogno veramente di fare questo tipo di terapia.
    Chiedo a te Simone,come e dove impostare una terapia individualmente. Ho lavorato molto per la mia crescita personale, con gruppi di meditazione, lavoro emozionale, rebirthing, yoga, dinamiche di Osho, ecc. ma ho difficoltà ad esprimere i miei sè rinnegati.
    alessandra

    RispondiElimina
  20. Ciao Alessanda :-)
    Io vivo e lavoro a Modena, ma se vai www.voicedialogue.it ci sarà la lista dei vari "facilitatori" in giro per l'Italia.

    Se vuoi lavorare con me, contattami privatamente su isegretidelledonne@gmail.com
    Un abbraccio, Simone

    RispondiElimina
  21. Grazie di cuore per questo Blog...Modena purtroppo per me è lontana, ma ho trovato dal sito.
    Un abbraccio

    Alessandra

    RispondiElimina
  22. patfra2008@libero.it23 agosto 2010 08:27

    ciao, sono molto contenta, ho trovato questo sito, spero di riuscire a schiarirmi le idee.
    un abbraccio,
    :)
    Patrizia

    RispondiElimina
  23. Bene, benvenuta :-)

    Un abbraccio dal cuore, Simone.

    RispondiElimina
  24. Ciao Simone, sono Rosa, ho trovato molto interessante il tuo lavoro, certamente questa nuova terapia ci illuminerà su tanti nostri comportamenti. Sono felice di averti trovato, grazie per il bellissimo lavoro!!!! un abbraccio.........

    RispondiElimina
  25. Ciao Rosa e benvenuta nel Blog :-)
    Mi raccomando leggi tutto con attenzione e calma... vedrai che ti sarà utile ;-)

    Un abbraccio dal cuore, Simone.

    RispondiElimina